Vi fate abbracciare dalla solitudine?

Oggi è una giornata strana.

E’ stata una buona giornata, considerando che ieri sera da un amico ho lasciato mezzo cranio attaccato allo spigolo di un televisore a mezz’aria. Non so se ha fatto più ridere la scena o la sua faccia. “Meno male ti sei messa a ridere, io stavo già per fare il 118!” In ogni caso stamattina avevo solo qualche difficoltà di connessione e di stabilità ma comunque l’umore era ottimo, come mi succede spesso ultimamente. Ma se succede che ti arriva una brutta notizia, che non compete te, ma che tocca una persona che ti è molto vicina è giusto o sbagliato non accollarsi il dolore degli altri?

Io ho cambiato completamente idea anche riguardo a questo. Mi sono sempre fatta carico dei malesseri altrui che poi dico io..la Candy Candy dei poveri. In realtà non si risolve niente. Si appaga l’ego in maniera sbagliata. Invece di condividere la tristezza ed essere penosamente tristi in due meglio concedere la spalla mentre si rimane al timone del proprio buon’umore. Sarà molto più semplice, per chi si deve rialzare, avere qualcuno che è già in piedi a tendergli la mano.

Ma questo è un pensiero che ho da quando mi sento libera, o per lo meno ragiono per sentirmici. Il che significa non aver bisogno ossessivamente del consenso degli altri, vuol dire scegliere di fare ciò che mi fa stare bene senza pensare di fare solo quello che fa contenta mamma. Non è mica così facile eh, soprattutto quando per mamma e papà hai la venerazione e ti porti dietro fin da bambina la convinzione che quello che pensano mamma e papà sia legge.

Mamma e papà hanno un cervello come me, pensano come me, sono umani come me e soprattutto (rullo di tamburi) sbagliano come me. 🙂

(Ciao mamma! ♥)

Per tanto, tornando al discorso, io le emozioni, adesso, preferisco viverle in solitudine.

“Tutti gli sforzi fatti dagli esseri umani per evitare l’isolamento sono falliti e falliranno, perché vanno contro le leggi fondamentali della vita. 
Ciò che occorre non è qualcosa grazie al quale puoi dimenticare il tuo isolamento.
E’ fondamentale diventare consapevoli della propria solitudine, che è una realtà.
E sentire questa solitudine, farne esperienza, è meraviglioso, perché è la tua libertà dalla folla, dall’altro. 
E’ la tua libertà dalla paura di essere solo. ”    Osho

All’interno delle relazioni cerco di portare un confronto tra i pensieri e uno scambio di energia. Stop. E spero di riuscire a farlo sempre.

Nell’articolo precedente avevo parlato proprio di relazioni. Il campo si restringe automaticamente e inconsapevolmente. Avete presente quando decidete di comprarvi le All Star gialle e automaticamente le vedete ai piedi di chiunque? E’ semplicemente il focus che si attiva. Quello vi interessa, quello vedete. Idem per le persone: vi interessa un certo tipo di confronto e quello arriva. Semplicemente tutto il resto vi interessa relativamente e lo vedrete e lo cercherete sempre meno.

L’importante è trovare le proprie idee e portarle avanti. Senza la paura del giudizio della gente (qua c’è da lavorare), senza l’imbarazzo di sembrar degli stupidi (anche qua ;)), senza sentirsi strani che gli strani son quelli che la vita la vedono passare.

E ridere. Dando il giusto peso a parole e persone che come noi hanno le loro emozioni da gestire.

One life – James Morrison

“Quando ero piccolo
Vivevo alla giornata
Il mondo era un libro aperto
Avevo ogni scelta
Ma con così tante scelte
Non sapevo cosa fare
Dicevo solo: “Perdonami”
Se me lo dici io lo rimpiangerò
Lascia che vada come deve andare
Perché è facile da dire

Se avessi saputo ieri ciò che sapevo oggi
Dove sarei stato domani
Non lascerò scappare la mia anima
Farò tutto ciò che serve
Perché questo tempo è solo in prestito

Ho una vita, una vita, una vita
E la vivrò
Ho una vita, una vita, una vita
E la vivrò bene

Mio padre mi ha fatto sedere
Ha detto: “Figlio, è forse tempo di fare un progetto”
E io ho detto: “No, non ora”
Con così tante scelte
Non sapevo cosa fare
Dicevo solo: “Perdonami”
Se me lo dici io lo rimpiangerò
Lascia che vada come deve andare
Perché è facile da dire

Se avessi saputo ieri ciò che sapevo oggi
Dove sarei stato domani
Non lascerò scappare la mia anima
Farò tutto ciò che serve
Perché questo tempo è solo in prestito

Ho una vita, una vita, una vita
E la vivrò
Ho una vita, una vita, una vita
E la vivrò bene

Hai detto che più ci pensi
Più sai cosa è giusto
Meno fai
Ciò che senti dentro
Quindi non fingerò di averlo sempre saputo
Seguo il mio cuore, ovunque esso vada
E forse non lo farò mai in modo giusto
Ma almeno vivo come desidero

Ho una vita, una vita, una vita
E la vivrò

Se avessi saputo ieri ciò che sapevo oggi
Dove sarei stato domani
Non lascerò scappare la mia anima
Farò tutto ciò che serve
Perché questo tempo è solo in prestito

Ho una vita, una vita, una vita
E la vivrò
Ho una vita, una vita, una vita
E la vivrò bene

Quando sarò vecchio
Spero di essere sulla mia sedia a dondolo
Sorridendo a me stesso
Dirò a mia figlia
Hai solo una vita
Quindi fai attenzione a viverla bene”

Buona vita.

Deny

 

 

Una risposta a "Vi fate abbracciare dalla solitudine?"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...